Me..

Questo blog nasce come svuota-pensieri di una quarantottenne milanese, che si emoziona ancora di fronte ad un foglio bianco.

Single (a volte no) indipendente, con una cagnolina che adora ed una bella manciata di amiche che la sostengono (a volte mi ribaltano, ma ne parleremo poi).

Laureata in pubbliche relazioni, qualche anno in ufficio stampa (avete presente Il diavolo veste Prada? Ecco io. Con una titolare inetta, purtroppo) e poi sbarco nella scuola elementare, da cui non me ne sono più andata. Rimpianti? Adesso con l’esperienza e il pelo sullo stomaco probabilmente sarei diversa, ma adoro ciò che faccio. Ho fatto la barista, la cameriera, la centralinista, l’addetta stampa, ho dato ripetizioni, realizzato orecchini, fatto la baby sitter, non mi fermo quasi davanti a niente.

Leggo da quando praticamente ho imparato, senza sosta.

Se decido una cosa, la devo realizzare entro ieri.

Ho perso tantissimo nella vita e mi sono rialzata. Sono leale e disponibile, ma ho imparato a dire di no, e di sì a me.

Amo ridere e ballare, e lo faccio anche da sola, amo le ciglia col mascara, le gambe abbronzate, vivrei di pizza e di caffè.

Odio i luoghi comuni, al punto che intavolo discussioni se ne snaso uno a distanza, non sopporto l’ignoranza (vedi sopra) e la supponenza.

Stimo chi nella vita si impegna. Chi si mette in discussione. Ed è coraggioso. Non sono diplomatica, purtroppo. Ma ci sto lavorando.

25 pensieri su “Me..

  1. Io scrivo in primis per me stesso, perché se le cose non le scrivo, poi le dimentico e svaniscono. Ogni giorno si ha in fondo qualcosa da scrivere, se si ha voglia di farlo. Non è che si debba sempre dire qualcosa di importante, ma a volte bisogna mettersi davanti a un foglio o un computer e scrivere due cose per fare chiarezza su alcune cose che ti frullano in testa. poi le lasci lì. Magari le rileggo dopo un po’ e mi dico: ma chi ha scritto queste fesserie…ma va bene così. Lasciare tutto dentro non fa bene. Fa bene svuotare il cervello, credo che i sogni servano in parte a questo.

    "Mi piace"

  2. … a volte parla il silenzio, a volte è il suono rotondo della parola che lo riempie, i pensieri certe volte bisogna lasciarli al vento, liberi di svolazzare, di crescere. La fantasia, i sogni, liberi come aquiloni portano sempre con loro qualcosa del nostro intimo profondo. Svolazzano, incrociano correnti, vanno e ritornano, sono alla fine un po’ di noi stessi lasciati agli altri, uno scrivere senza penna, un comunicare sorridente ciò che realmente siamo…
    Ciao Sulfureo

    Piace a 1 persona

  3. Leggere.
    Leggerti, immaginare, immaginarti e poi andare via per le strade di una Milano ormai lontanissima per me nel tempo.
    Commentare, già, dire…comunque. anche se non si ha nulla da dire?
    Leggere innanzitutto, provare poi ad affidarsi all’intuito e infine sfiorare le altrui vite: un blog è veramente una strana creatura. Ciao Martina, grazie di essere passata da me.

    "Mi piace"

  4. Blog nato da poco ma già con molti follower.
    Leggendo prima altri articoli non ti avrei mai dato 48 anni! Penso che essere single mantenga giovani, almeno nell’animo (sigh).
    Un 47enne.

    Ps: ma davvero canti e balli davanti allo specchio??

    "Mi piace"

    • Ahahah sì, canto solo un paio di canzoni legate a momenti particolari. Ballo si, mentre mi alleno, quando mi stufo di fare step seguo alcuni video di salsa, che adoro e che ho ballato per qualche anno 🙄🙄

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...