..il cambiamento

Sottolineerei in partenza che la parola cambiamento, niente, non mi esce. Cioè mi sono dovuta impegnare! Scrivo cambiamneto, cambiameto, cnambiamento… già sul primo punto Jung avrebbe quindi da disquisire..

Che poi è strano, perché io ne faccio bandiera. Inconscio maledetto…

In ogni caso oggi faccio le lodi ad un libro che ho letto per la terza volta ADESSO. Ho visto anni fa anche il film, ma come sempre non ha reso. Il libro invece! Ovvio che ogni testo ti rispecchia, e ti piace nella misura in cui sei disposta ad accettarne le parole, ma Mangia Prega Ama mi entra dentro, con la sua semplicità, a volte banalità, ma ha dei passaggi che mi rappresentano in pieno e ne ho fatto, al momento ‘il vademecum’ sul comodino.

Per chi non lo conoscesse è la storia di questa donna simpatica ed in crisi esistenziale dopo un divorzio, che è ossessionata da pensieri ed infelice.

A parte che mentre lo rileggo, già viziata dal film, mi immagino costantemente una Julia Roberts (che di suo già mi piace) mangiona ed un po’ impacciata, ma il romanzo mi entra dentro per il percorso attraverso tre continenti ed in viaggio dentro di sé, quanto mai vero, emozionante, profondo e devastante che fa la protagonista, in lotta con se stessa e con i pensieri che la annientano.

Caspita! Mi ci sono ritrovata! Lungo la sua strada camminavo, mi incazzavo, mi commuovevo e mi sono sono alleggerita insieme a lei. Uno di quei libri modesti, divertenti e scorrevoli che io considero meravigliosi.