mercoledì, fine dicembre

Milano senza colori, e come anni indietro, sono nasi alle finestre, che appanni e che ci scrivi ti amo, mentre palazzi alberi e strade sono nascoste fino a metà mattina. Milano di gente che si alza pigra, chiusa in casa perché non può uscire. Qualcuno scende a comprare il pane, le mamme trascinano bambini imbacuccati che non giocano e che hanno già imparato la pazienza di una fila e il sacrificio del non si può. Mi godo una nuova dimensione fatta di passeggiate con la cagnolina e di divano nel pomeriggio. Milano di case calde, le ghirlande luminose appese alla porta, un film un libro coperta e tisana. Le amiche in videochiamata, un caffè al bar o un weekend in montagna se riusciamo, stare sveglia fino a tardi ad ascoltare il silenzio della nebbia ed allentare il ritmo sotto il piumone, ascoltando chi si sveglia nelle case di fianco.

mattina del 25

In questa Milano deserta la mattina di Natale vado a fare il mio tampone di chiusura monitoraggio, sperando di essere negativa, perché qui a destra e a sinistra continuo a prendere nota di ‘affondati dal virus’. In questo grigiume delle sette di mattina (come le partenze intelligenti, chi vuoi che vada nell’unico ospedale di Milano aperto oggi per lo screening) non trovo in giro anima viva. Strade vuote, semafori rossi che non fermano nessuno, i negozi ancora chiusi, il parcheggio semi deserto. Sono ottimista.

Quelli svegli sono tutti in coda sotto questo tendone della protezione civile. Ma è presto e me la cavo con neanche mezz’ora di coda. Finisco e la fila si è già quadruplicata, i negativi pranzeranno qui, i positivi di nuovo chiusi in casa a fare videocall con i parenti. Non funziona che in una mega città manchino punti tampone in ogni piazza. Che molti rallentamenti siano causati da chi ancora lo deve fare ogni due giorni. Che non appena l’infermiere ha aperto lo sportello dividendoci in prenotati e non, una decina di persone abbia tentato il sorpasso (e sia stato rimandato dietro). Non funziona un sistema di testing per le scuole organizzato in questo modo, per cui ci sono bambini che fanno quattro tamponi in un mese e altri che di fronte al primo sono magicamente positivi, serve una campionatura a tappeto, direttamente nelle aule.

Scendo con la cagnolina, se due amiche mi rimangono negative dopo ultimo antigenico, andrò a pranzo da loro, e comunque buon Natale.

The Xmas Carols – Il mondo di shioren

Si conclude questo calendario natalizio a cui ho avuto il piacere di partecipare. È stato intimo, dolce e magico. Grazie a tutti per gli splendidi lavori, per le parole che mi hanno toccata dentro, per avere potuto sbirciare tra le vostre pagine.
E grazie a Shio…che oggi ci dedica questo racconto carico di emozione. Buon Natale 🌲

il mondo di shioren

Tra alti e bassi, siamo giunti alla fine di questo particolare calendario dell’avvento creato grazie alla collaborazione e al talento di tanti blogger.
Non è stato facile arrivare fino a qui e, sinceramente, non so cosa succederà domani… forse qualcuno di voi sparirà per sempre dalla mia vita o, magari, lo ha già fatto dopo il carols di ieri, dopotutto, è una cosa che avevo messo in preventivo dopo quanto accaduto ma, a prescindere che tu sia rimasto per rispetto e senso del dovere o che tu l’abbia fatto perché hai visto del buono in me e credi nella persona che rappresento in questo blog, io dico solo una cosa: GRAZIE.
Grazie per aver accettato il mio invito e tenuto fede alla parola data.
Grazie per l’impegno che hai messo nel creare dal nulla qualcosa per questa iniziativa.
Grazie per essere arrivato fino alla fine.
Grazie, grazie e ancora…

View original post 2.081 altre parole

XMAS CAROLS: a xmas calendar by Shioren

Questa casellina pre vigilia ci delizia con una dolcissima canzone, reinterpretata egregiamente 🌲🌲

Nea: NuovaEcologiaArtistica

A quanto pare, oggi è la mia casellina sul calendario dell’avvento ideato dalla scoppiettante Shio per il suo blog Il Mondo di Shioren.

Inizalmente, avevo proposto un altro racconto (leggetelo qui) che, tuttavia, pareva non incarnare troppo precisamente lo spirito del Natale. È certo che ognuno ha il suo.

Per me, la nascita del bambino Gesù è un momento intimo e interiore, necessariamente preceduto da una morte metaforica alla vita esteriore. Egli nasce in una grotta buia, spoglia e fredda. Chissà perché, dico io!

Questi Re con le loro stravaganze!

Allora, onde evitare incresciosi fraintendimenti, visto che le parole scritte son sempre fonte di rielaborazioni ambigue e il messaggio spesso, per colpa di nessuno, giunge modificato, decido di affidarmi alla musica che col suo linguaggio universale, è meno soggetta a errori.

Ecco che, in seconda battuta, poiché amo molto le collaborazioni, mi balza in mente di presentare un duetto…

View original post 99 altre parole

#covid follia

MAESTRAMARTINA

Ultimo giorno di scuola prima delle vacanze natalizie. Io e i miei alunni da oggi siamo in quarantena. Isolati per la presenza di tre casi positivi in classe. E non c’è niente da ridere.

Sottolineo la mancanza di responsabilità di alcuni genitori che nelle ultime settimane hanno portato i figli ad ogni genere di festicciola, di ritrovo, partita e che imperterriti hanno mandato tra i banchi i bambini nonostante fratelli sospettosamente raffreddati a casa, magari anche già sottoposti a provvedimento di testing con l’altra loro classe. Questo, ovviamente non è proibito da nessuna regola, ma è buon senso e mette in difficoltà, ADESSO, un sacco di persone.

Sono perplessa per l’assoluta incapacità e inadeguatezza della sanità metropolitana che non sa dare direttive precise né al suo esercito medico, né ai dirigenti delle scuole e ai suoi desolati responsabili della sicurezza Covid.

Ognuno dice il contrario dell’altro.

La classe interessata dovrebbe…

View original post 393 altre parole

The Xmas Carol #15, Schiaccianoci a New York, Dove una poesia può arrivare

Eccoci alla penultima casella di questo calendario itinerante tra la magia del Natale. Oggi un altro racconto dolcissimo 😊

Dove una poesia può arrivare

Ciao a tutti, oggi tocca a me regalarvi un racconto per Natale. Devo dire che sono super emozionata. Quando ho letto della proposta di Shio del The Xmas Carols mi sono subito preoccupata di scriverle, sperando fossi ancora in tempo. Ringrazio Shio per l’opportunità. Ho optato per un racconto e mi sono divertita tantissimo nello scrivere la storia di Ally.

Comunque, per chi non mi conoscesse, mi presento. Mi chiamo Laura, ho diciannove anni e frequento il primo anno di Ingegneria ambientale al Politecnico di Milano. Ho aperto un blog perché sentivo l’esigenza di racchiudere in un angolo tutto quello che scrivevo, pensavo e sognavo. Nel mio blog Dove una poesia può arrivare troverete, come preannuncia il titolo, tantissime poesie libere, pagine di diario, pensieri sparsi, recensioni e articoli su ambiti di mio interesse (l’astronomia, la Sicilia e molto altro). Amo leggere e scrivere. Per ora sto lavorando al mio…

View original post 1.751 altre parole

The Xmas Carols XIV

Oggi vi do la buonanotte con questa casellina dolcissima..

La Corte

Oggi è il mio turno 🐱 Apriamo la casellina del 21 dicembre del calendario di Shioren e sotto… ci sono io, più o meno.

Bene, chi sono?

Un po’ difficile rispondere a questa domanda. Non lo so nemmeno io, quindi vi parlo del blog, in maniera un po’ metatestuale, dato che il blog parla di me.
Inizialmente l’ho aperto per pubblicare le storie che scrivevo. Tante idee, magari qualcuna pure buona, scritte male. Malissimo a rileggerle oggi. Poi mi chiesi se non fosse il caso di provare a scrivere recensioni per attirare lettori. E a rileggerle oggi sono pure peggiori dei miei scritti. Ma non funzionò più di tanto, o meglio. I lettori arrivavano ma delle mie storie non fregava quasi niente a nessuno. Oggi in realtà ne ho due, questo che è più diretto e l’altro che… Beh, odio le regole SEO, ve l’ho già detto? Quindi eccomi, questa…

View original post 109 altre parole

Ippopotami per Natale – The Xmas Carol #13

Eccoci alla tredicesima casellina di questo calendario molto particolare. Godetevi questo magico racconto, buona lettura 🌲

Lividi e Musica

The Xmas Carol è arrivato alla sua tredicesima casella, e Lividi e Musica è onorato di poter portare il suo modesto contributo a questo particolare calendario dell’Avvento. Ringrazio infinitamente Shio di Il mondo di Shioren per aver condiviso l’idea, ma anche per la gentilezza, la disponibilità e l’opportunità.

Perché di questo si tratta, per me: di una piccola opportunità per condividere virtualmente con altri appassionati una storia. A differenza di alcuni partecipanti, non sono uno scrittore e non ho pubblicato romanzi o racconti, mi sono avvicinato alla scrittura solo molto recentemente e ho iniziato a buttare giù idee e parole nel fondo del pc, sperando che possano germogliare. Per questo, ogni opinione e parere su ciò che andrete a leggere è bene accetta.
Ho scritto principalmente articoli di musica e cinema un po’ di qua e un po’ di là in giro per la rete e non solo, e The…

View original post 3.614 altre parole

The Xmas Carols: Sorpresa di Natale

Anche quest’oggi un racconto magico. Io ho deglutito a fatica alla fine, dall’emozione 🌲❤️🌲❤️

Centoquarantadue

Oggi apriamo la dodicesima finestrella del Calendario dell’Avvento ideato dal blog il mondo di shiorenche ringraziamo ancora per la splendida idea che ha avuto.
È già stato detto, l’altra volta, che Centoquarantadue è un unico blog con due anime, un Lui e una Lei.

Io sono il Lui, che adora Lei. Scrivere insieme ci permette di mantenere un legame profondo, nonostante la lontananza e altre avversità non meglio specificate.
In teoria io dovrei essere la parte più divertente e dissacrante dei nostri lavori. Lei comunque è la padrona di casa e si occupa anche dei commenti, quindi per ogni reclamo, rivolgersi a Lei.
Qui sotto il mio contributo, mentre il prossimo sarà pubblicato domani suLividi e Musica. Non perdetelo!

Mancavano pochi giorni a Natale e come ogni anno in paese si teneva la consegna del premio per la bontà: durante l’anno, chi voleva, poteva segnalare una o…

View original post 1.167 altre parole

Casellina n° 11 – THE XMAS CAROLS – Racconto: Festa di Natale – di Sara Tricoli

Casellina n.11 di questo albero di Natale condiviso 🌲
Una favola romantica da mettere sotto l’albero..

LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

Buon sabato carissimi Amici, oggi tocca a me aprire la casellina di questo meraviglioso Calendario dell’Avvento ^_^ (Grazie carissima Anna per questa bellissima iniziativa ❤️)

Per chi non mi conoscesse, io sono Sara Tricoli, sono mamma di due ragazzi nati nel 2004 (gemelli), ho fatto vari lavori: commessa, impiegata, promoter… oggi sono un agente in attività finanziaria ^_^ nuovo lavoro iniziato qualche mese fa che mi assorbe moltissimo, ma che mi sta anche piacendo tantissimo 😍

Mi diletto a scrivere e ho pubblicato su Amazon alcuni romanzi rosa, solo una precisazione: uno di questi parla di una ragazza dislessica – storia non autobiografica, ma piuttosto reale essendomi scoperta io stessa dislessica a 30 anni. (trovando molte spiegazioni e forse, facendo un pochino pace con me stessa ^_^)

per chi fosse curioso, ecco il link ai miei libri… https://www.amazon.it/Sara-Tricoli/e/B07P73ZPRT?ref_=dbs_p_ebk_r00_abau_000000. Sara Tricoli una curiosità: le copertine sono state disegnate da mia sorella…

View original post 1.358 altre parole