PERCORSI

Torno sull’argomento coincidenze perché non posso non notare che ci sono periodi, a volte intere stagioni, nelle quali CASUALMENTE e intendo che non ho scelto appositamente che quella fosse la zona di destinazione, cioè non ho messo io l’asterisco appositamente sulla mappa, dicevo insomma che gira e rigira ti trovi sempre nella stessa zona e a percorrere sempre quella strada.

Ora obietterete che di solito l’abitudine ci porta inconsciamente a scegliere il percorso conosciuto, che ci muoviamo con un’inerzia del sistema nervoso per cui siamo portati a rifare sempre le stesse cose nello stesso modo e quindi ad allungarci magari di qualche decina di metri, perché è la via che conosciamo meglio. Poi potrebbe essere che su questo tragitto abbiamo i nostri negozi di fiducia e quindi ne approfitti per passare a prendere il latte o il vestito in tintoria. Ci sta pure che a volte (io) ci mettiamo in macchina e dopo alcuni minuti mi accorgo che dovevo girare prima e che invece di andare a scuola dovevo andare dal parrucchiere.

Ma eliminata questa casistica rimane lo stupore. Com’è possibile che per mesi interi non attraversi alcune zone e poi improvvisamente la palestra è là, l’amica è anche lei là, il dentista guarda caso è da quella parte della città, vado al ristorante e la strada da fare è esattamente quella. Io vivo a Milano, dove per ogni rotonda ci sono minimo quattro vie che si intersecano e si dividono in dieci incroci. Sorprendente che per mesi interi la quasi totalità della mia vita percorra le stesse vie e io vada sempre per di là, CASUALMENTE. Poi la stagione dopo meccanicamente la tua vita si sposta quasi in toto in un’altra zona. E non parlo di ovvietà, è evidente che se mi dedico ad un passatempo nuovo è facile che le nuove amicizie siano circoscritte a quel quartiere e magari anche la pizzeria post corso, ma è davvero pazzesco che improvvisamente tutto il mio tempo libero e gli altri impegni si spostino come pellicola sul nuovo tracciato. Ci sono zone e che non attraverso da secoli, poi magicamente tornano ad essere di quotidiano passaggio, a scapito di altre.

39 pensieri su “PERCORSI

  1. Ciao Marti anche questo spesso accade a periodi anche a me, anch’io l’ho sempre vista né più è nemmeno di ciò che ha detto Emyly. Buona notte 😉

    "Mi piace"

  2. Occasioni, imprevisti… strade che percorriamo indipendentemente da se le imbocchiamo noi o se ci troviamo al loro interno per puro caso … non tutti i perché debbono per forza avere una risposta. A volte il distrarsi fa da filo conduttore alla casualità che la vita ci mette davanti, e io dico…”per fortuna! La vita lineare sarebbe troppo monotona. 👋Martina! Buona giornata.

    "Mi piace"

  3. capita anche a me di fare certi percorsi per anni, perchè magari sono vicini a casa, poi se cambi abitudini, vita, ti accorgi che cominci a fare altre vie, altre passeggiate, e magari le stesse di prima non le rifai per moltissimo tempo.
    Poi da voi a Milano ci sono così tante strade che rifare la stessa per uno che viene da fuori è quasi impossibile, ricordo una volta che ero entrato in centro con la macchina, alla fine sono impazzito, sono sceso da un distributore e gli ho chiesto “dov’è la fermata più vicina della metro, piuttosto cammino per ore” Infatti ho lasciato la macchina lì e sono andato a piedi..😁😁 Da quella volta ogni volta che vengo a Milano lascio la macchina al Famagosta e mi sposo solo in metro…😁

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...